Da non perdere
Home / Life / Cose che hanno un nome (ma forse non lo sai) – Parte I
Flickr - 2-dog-farm

Cose che hanno un nome (ma forse non lo sai) – Parte I

L’italiano è una lingua complessa, in costante aggiornamento. Forse non immagini che oggetti e situazioni che sei abituato a descrivere usando più parole hanno un nome ben preciso. Sono termini presi in prestito da altre lingue e culture, come zugzwang e dazebao, oppure ricevuti in eredità dal passato e caduti in disuso.  In questo primo post della serie, ecco 13 cose che hanno un nome, ma forse tu non lo sai.

 

1- Nutri un’ammirazione profonda per lo champagne, il foie gras, Napoleone, Voltaire, Brigitte Bardot, Jean Dujardin e Michel Platini? Se la tua passione è tutto quello che proviene dalla Francia, c’è una parola che fa al caso tuo: gallomania.

2- Se conosci qualcuno che esagera con la birra, e vuoi metterlo al corrente dei rischi, c’è un termine più rapido per sintetizzare l’intossicazione o l’abuso di birra: gambrinismo.

cose che hanno un nome

Wikimedia Commons – Tim Bartel

 

3- C’è un punto della schiena che non riuscirai mai a grattare usando le mani. Questo posto irraggiungibile ha un nome: si chiama acnestis. L’origine del termine è greca: acnestis è formato da “a”, il prefisso che indica mancanza, privazione, e “knestos”, che significa “grattato”.

Flickr - Tambako the Jaguar

Flickr – Tambako the Jaguar

 

4- Ti piacciono giaguari, farfalle, pavoni e altri animali con il manto ricoperto di quelle macchioline rotonde circondate da un anello di piume o peli di un altro colore? Ogni singola macchiolina rotonda circondata da un anello di piume eccetera eccetera in italiano ha un nome preciso: ocello.

Wikimedia Commons - spacebirdy

Wikimedia Commons – spacebirdy

 

5- Hai presente il tessuto pesante di cotone che si usa per realizzare tende, tendoni e vele? Si chiama olona.

6- Durante una partita di scacchi potresti trovarti in una situazione in cui ogni tua mossa è ininfluente, non hai soluzioni vantaggiose a disposizione: il tuo avversario farebbe comunque scacco matto. In una parola, sei nel bel mezzo di uno zugzwang, che in tedesco significa “obbligato a muovere”. Un termine che, più in generale, può indicare anche una situazione in cui sei messo con le spalle al muro.

Wikimedia Commons - InSapphoWeTrust

Wikimedia Commons – InSapphoWeTrust

 

7- Il famoso calzare degli antichi soldati romani, quello composto da una serie di lacci di cuoio intrecciati, ha un nome: caliga.

Wikimedia Commons - MatthiasKabel

Wikimedia Commons – MatthiasKabel

 

8- Sei in campagna e devi indicare l’apertura in un cespuglio per entrare nei campi o una semplice stradina? Il termine esatto è callaia.

9- L’atteggiamento del maschio sciupafemmine, intraprendente con le donne e conquistatore è detto gallismo.

10- L’elemento “maschio” di una giunzione, di un collegamento meccanico, costituito da un corpo filettatto è la viròla. Un esempio? L’innesto a vite delle lampadine.

Wikimedia Commons - Mattia Luigi Nappi

Wikimedia Commons – Mattia Luigi Nappi

 

11- Un componimento le cui parole iniziano tutte con la stessa lettera è detto tautogramma.

Se sapessi sorridere soltanto.
Sarei semplicemente
soddisfatto.

12- Conosci una persona dotata di un ingegno straordinario, ma di carattere semplice e rozzo? L’italiano offre un termine fantastico: talentaccio.

13- Un manifesto murali scritto a mano, con caratteri grandi, e generalmente di contenuto politico si chiama dazebao. È un termine preso in prestito dalla lingua cinese: si chiamavano in questo modo i manifesti di lotta politica scritti dagli studenti durante la Rivoluzione Culturale.

Condividi con i tuoi amici










Inviare