Da non perdere
Home / Primo piano / Moto usate: difenditi dai truffatori grazie a questi consigli
Flickr.com-MacManu

Moto usate: difenditi dai truffatori grazie a questi consigli

È di qualche giorno fa la notizia che ha visto come protagonista un motociclista vittima di furto della propria moto durante le trattative per la compravendita con un 59enne di Sacrofano, paese in provincia di Roma. Con la scusa di voler provare il mezzo, l’uomo è saltato in sella ed è fuggito.

Il proprietario 28enne ha sporto denuncia: dopo qualche ora i carabinieri hanno risolto il caso e gli hanno riconsegnato il mezzo. Questa breve notizia di cronaca è lo spunto per alcuni consigli utili per chi deve vendere e per chi invece deve comprare una moto usata.
truffe moto usate

Truffe moto usate: come difendersi – Flickr.com-tvenchus

 

Se vendi: non fare mai provare la moto e all’appuntamento porta un amico

Prima di avere un contatto diretto con l’ipotetico acquirente della tua moto, cerca di scambiare con lui qualche email per valutare le sue vere intenzioni e per carpire alcune informazioni personali come nome e cognome. Diffida dalle email scritte in un italiano incerto, soprattutto se arrivano da siti di annunci specializzati.

Una delle truffe più diffuse è infatti quella di acquistare moto con soldi “da riciclare”. Di solito questi malintenzionati propongono di far visionare il mezzo da un loro conoscente e insistono per farti subito un bonifico. Il fatto che non cerchino di trattare sul prezzo è un altro elemento che deve insospettirti. Se decidi di incontrare l’acquirente fallo presso un luogo che ti resta familiare, magari vicino alla tua abitazione. È lui che deve interessarsi, non tu.

Se hai un amico che può accompagnarti all’appuntamento tanto meglio. Una volta che lo avrai incontrato, per nessuna ragione devi farlo salire sulla moto. Al massimo lo puoi seguire (guidando tu il mezzo) per mostrargli il corretto funzionamento. Anche qui c’è un piccolo trucco: nessun vero motociclista, a meno che non sia un conoscente, ti chiederà mai di provare la moto.

Se sei convinto delle buone intenzione dell’acquirente e vuoi passare alla vendita, riservati di accettare solamente assegni circolari o bonifici. Infine, meglio se la trattativa finale si svolge presso un’agenzia ACI o la Motorizzazione Civile, dove sarà indispensabile effettuare il passaggio di proprietà.

Se compri: diffida dai venditori troppo distaccati e superficiali

Se devi acquistare una moto usata individuata su qualche inserzione, prima di tutto cerca di prendere più informazioni possibili sul mezzo partendo dalla targa. Tramite la tua agenzia di assicurazione puoi chiedere di fare un controllo su eventuali sinistri in sospeso o passati, anche per verificare lo storico del mezzo.

Dopo un primo contatto via mail chiedi le foto della moto e subito il cellulare del venditore. Fai una prima valutazione anche su come ti presenterà la moto al telefono, i motociclisti infatti sono affezionati al proprio mezzo, quindi te ne dovrà parlare con un certo trasporto, descrivendone pregi e difetti in maniera minuziosa. Chiedi di far verificare l’effettivo stato della moto da un tuo meccanico di fiducia e solo dopo procedi all’acquisto.

Anche in questo caso meglio sempre utilizzare un assegno circolare o un bonifico. L’importante sarà l’immediatezza del passaggio di proprietà, che dovrà avvenire presso la Motorizzazione Civile o un’agenzia Aci.

L'Autore

Patrizio Cacciari

Nella vita faccio il giornalista in una tv locale, scrivo per una casa editrice piuttosto importante e sono un appassionato di tradizioni popolari, enogastronomia, storia, made in Italy, narrativa, serie tv e sport. Il mio blog si chiama ExtraMoto.it: nasce per parlare di motociclette e itinerari, di motociclismo e luoghi, di amicizia e giornate indimenticabili, di gare e talento, di accessori e tecnica, di design e storia. Vi aspetto.

truffe moto usate

www.extramoto.it

Condividi con i tuoi amici










Inviare