Da non perdere
Home / Lavoro / Concorsi pubblici / Corso per restauratori Beni Culturali, ecco il bando: 10 posti
corso restauratori beni culturali
Flickr.com-Lori Greig

Corso per restauratori Beni Culturali, ecco il bando: 10 posti

Concorso pubblico, per esami, per l’ammissione di 10 allievi al 65esimo corso quinquennale della Scuola di Alta Formazione e Studio dell’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro di Roma, anno formativo 2014-15. La scadenza per la presentazione della domanda di partecipazione è il 20 giugno 2014, secondo le modalità definite dal bando. Ecco le principali informazioni sul corso per restauratori Beni Culturali.

corso per restauratori beni culturali

Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro.

Corso per restauratori Beni Culturali

I percorsi formativi professionalizzanti previsti dal corso sono due:

  1. PFP1 – Materiali lapidei e derivati; superfici decorate dell’architettura;
  2. PFP4 – Materiali e manufatti ceramici, vitrei, organici; materiali e manufatti in metallo e leghe.

Requisiti per l’ammissione al concorso

Per l’ammissione al concorso sono richiesti i seguenti requisiti:

  • diploma quinquennale (o quadriennale più anno integrativo) di istruzione secondaria superiore (è consentita l’iscrizione con riserva per i candidati che conseguano il diploma prima della data di inizio della prova orale);
  • cittadinanza italiana o di altro Stato dell’Unione Europea. Sono ammessi, alle stesse condizioni, anche cittadini di Stati extracomunitari, purché dimostrino il possesso di un titolo di studio equipollente a quello richiesto;
  • idoneità fisica alle attività che il Percorso Formativo Professionalizzante comporta;
  • non aver riportato condanne passate in giudicato a pena detentiva superiore a tre anni.

Esame di ammissione

L’esame di ammissione consiste in:

  1. una prova di conversazione in lingua italiana, riservata esclusivamente ai candidati cittadini stranieri;
  2. una prova grafica;
  3. un test attitudinale pratico-percettivo;
  4. prova orale sulla conoscenza diretta delle opere d’arte e la capacità di mettere in relazione i dati storico-artistici e quelli tecnici nonché una conoscenza di base delle scienze della natura (chimica, biologia, scienze della terra, fisica). La prova orale sarà sostenuta in lingua italiana anche dai cittadini stranieri. I candidati dovranno dimostrare anche una conoscenza di base della lingua inglese.

Prova grafica

Consiste nella trasposizione grafica di un manufatto artistico o parte di esso, condotta per mezzo di una riproduzione fotografica in bianco e nero. Il disegno dovrà essere eseguito con matita in grafite nera, a tratto lineare, senza chiaroscuro, in una riproduzione in scala rispetto al formato della fotografia.
Per trasposizione grafica a tratto lineare si intende la sintesi critica del manufatto per mezzo di un tratto essenziale, nitido e opportunamente modulato, teso a restituire la definizione volumetrica, le proporzioni e la particolare tecnica esecutiva in esame. La prova ha durata di sei ore consecutive.
Saranno ammessi a sostenere la prova successiva (test attitudinale pratico-percettivo) i candidati con punteggio non inferiore a 6/10.

Test attitudinale pratico-percettivo
Per il Percorso Formativo Professionalizzante “Materiali lapidei e derivati; superfici decorate dell’architettura”, la prova consiste nell’integrazione, mediante tratteggio verticale ad acquarello, previa stuccatura a gesso e colla, di lacune presenti in riproduzioni policrome a stampa.
Per il Percorso Formativo Professionalizzante “Materiali e manufatti ceramici, vitrei, organici; materiali e manufatti in metallo e leghe”, la prova consiste nell’integrazione, mediante modellatura a plastilina, delle lacune su un calco da motivo decorativo plastico e nella riproduzione di un campione di colore.

Prova orale

I candidati dovranno dimostrare:

  • una buona conoscenza delle principali opere, personalità e avvenimenti della storia dell’arte antica, medievale e moderna e una conoscenza di base dei più importanti movimenti nazionali e internazionali dell’arte contemporanea;
  • una buona conoscenza dei materiali e delle tecniche della produzione artistica
  • una conoscenza di base, delle scienze della natura (chimica, biologia, scienza della terra, fisica);
  • una conoscenza di base della lingua inglese attraverso la lettura e la traduzione di un brano di carattere storico-artistico e/o tecnico-scientifico.

Scarica il bando del concorso, i modelli di domanda e resta aggiornato su tutte le notizie relative al corso collegandoti al sito dell’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro.



Condividi con i tuoi amici










Inviare